Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

08 Gen
Scritto da 

Morire in diretta web

Storie di ragazzi e ragazze che scelgono di condividere le loro ultime delusioni in privato col partner o pubblicamente col resto del mondo.

Mi colpisce molto la storia di cronaca appena letta su Libero.it e riferita alla vicenda di un sedicenne francese che imbracciando il fucile da caccia dei genitori decide di togliersi la vita mentre conversa in webcam con la ragazza. Forse un litigio, forse la paura di non riuscire a sopportare la delusione di un amore che il giovane "supponeva" stesse volgendo al termine, fatto sta che un ragazzo come tanti,  senza alcun problema apparente, decide di punto in bianco di spezzare il suo legame con la vita. Ma non è un caso isolato. Non sono poche le morti annunciate o consumate in diretta di giovani che scelgono il web come strumento di condivisione di gesti apparentemente folli ma che in realtà denotano una lucida intenzione di gridare al mondo la loro rabbia, le loro indignazioni, la loro delusione per non riuscire a trovare una collocazione in una società che non li prepara abbastanza ad affrontare le sfide e le difficoltà della vita. Mi colpisce  soprattutto la modalità con cui questi gesti si consumano e allo stesso tempo mi preoccupa la distanza che si frappone tra la vittima e lo spettatore, o gli spettatori, una distanza mediata da connessioni tecnologiche che freddano i rapporti interpersonali, quelli autentici, e che non consentono di intervenire rapidamente:  "La sua ragazza ha cercato di fermarlo ma il gesto è stato molto veloce". Mi preoccupa tutto questo, perché in una società sempre più dipendente dal fattore "velocità" si ha sempre meno tempo per riflettere. 
 
Vincenzo Cammareri

Psicotecnologie.it- Osservatorio di Psicologia sulla Società Tecnologica Contemporanea

Sito web: www.psicotecnologie.it
Sei qui: Home

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.