Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

21 Marzo 2013 Scritto da 

I giovani e il movimento CoderDojo: nuovi modi per apprendere in modo social e moderno

CoderDojo Dublin CoderDojo Dublin In evidenza

Si discute molto sui lati oscuri delle nuove tecnologie riferendosi ai loro effetti sui giovani e sempre più spesso sui giovanissimi, ma non dimentichiamo che strumenti come il computer e la rete sono anche, e forse soprattutto, potenti mezzi attraverso i quali sviluppare in loro competenze e creatività.

Per questo scopo è nato - grazie soprattutto all'impegno volontario dei tanti giovani che vi hanno aderito - CoderDojo, un movimento non-profit regolato dalla semplice regola “Above all, be cool” e dove quindi vengono bandite forme di bullismo, bugie e perdite di tempo con l'obiettivo di sviluppare nei bambini e nei ragazzi (a partire dai 7 anni fino ai 17) competenze informatiche per permettere loro di apprendere le basi dei linguaggi di programmazione, di sviluppare siti web, di realizzare applicazioni per pc, per smartphone, per tablet, giochi e altro ancora. 

I "Dojo", ovvero "luogi dove si segue la via" - termine mutuato dalla tradizione giapponese e che indica il luogo fisico dove si svolgono gli allenamenti alle arti marziali -  sono dunque i nuovi ambienti dove i giovani si incontrano per acquisire tali competenze grazie ai loro mentori (insegnanti e volontari), dove si organizzano visite in aziende tecnologiche, dove si invitano gli oratori a parlare della loro carriera e delle loro attività, dove si organizzano eventi con le medesime finalità e dove i membri si riuniscono per discutere e confrontarsi fra di loro su idee e progetti già attuati o in fase di realizzazione.

Nella sua filosofia, CoderDojo è un movimento giovane che parla il linguaggio dei giovani: è una realtà che vuole divertire e allo stesso tempo rendere l'apprendimento un momento di condivisione di idee e conoscenze, ma è anche un concreto spazio per socializzare.  Il movimento
 mette una forte enfasi sul valore del software libero e gratuito nell'apprendimento, e si avvale del sostegno di una fitta rete di soci e volontari a livello globale. 

In Italia le prime esperienze che si ispirano al movimento sono i Dojo di Firenze e Milano, ma già il movimenti si sta espandendo a macchia d'olio.

Come riferisce Giordano Scalzo, uno dei programmatori promotori del dojo milanese insieme alla pedagogista Barbara Laura Alaimo e Marco Faedo:  "Programmare significa insegnare a una macchina a far qualcosa" - e ancora -  "In giro c'è molta diffidenza verso i computer, mentre sono strumenti per aumentare la creatività dei nostri figli",  "Se mi avessero raccontato cosa questi bambini sarebbero stati in grado di realizzare non ci avrei creduto - racconta Scalzo - In un paio di ore sono in grado di apprendere la programmazione a livelli, la gestione delle immagini in movimento, degli eventi e l'interazione di questi con i suoni".

Ecco un esempio di una semplice animazione realizzata dai ragazzi del Coderdojo di Milano:


I tre passi per avviare un Dojo:

  1. Cerca uno spazio adeguato che possa essere aperto un giorno alla settimana senza spese;
  2. Trova due o più mentori (insegnanti volontari con competenze nel settore) che ispirino i ragazzi all'utilizzo delle tecnologia necessarie:
  3. Imposta una data di inizio. 

Ovviamente non è poi così semplice poiché l'apprendimento è un processo più complesso e a volte servono risorse non indifferenti (di spazio e di tempo), ma è pur questa la filosofia di un movimento che riesce laddove la scuola, per la complessità dell'apparato a cui è vincolata, trova difficoltà.

Fonti e risorse utili:
Fanpage del CoderDojo di Milano | official WebSite: Coderdojo.com | Articolo su: Mamamo.it | Articolo su Repubblica.it: "Che bravo il mio bambino, il videogioco lo ha scritto lui"



Vincenzo Cammareri

Psicotecnologie.it- Osservatorio di Psicologia sulla Società Tecnologica Contemporanea Sito web: www.psicotecnologie.it
Sei qui: Home Percorsi Tecnopsicologia Articolo I giovani e il movimento CoderDojo: nuovi modi per apprendere in modo social e moderno

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.