Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

21 Febbraio 2008 Scritto da  Kai Hakkarainen, Kirsti Lonka, Sami Paavola

L'intelligenza nella rete

L’intelligenza sembra costituire una virtù necessaria in una società avanzata della conoscenza. Una porzione importante della popolazione lavora svolgendo compiti che, originariamente, si pensava dovessero richiedere specifici talenti innati.

D’altro canto, nella nostra società occidentale, è dominante una rappresentazione, di natura culturale, secondo la quale le persone dispongano di capacità intellettuali che sono ereditarie e fisse, in grado di determinare il loro successo nell’apprendimento e nel lavoro. Quando una persona ha un successo eccezionale oppure fallisce, questo risultato lo si attribuisce a caratteristiche genetiche innate che solo difficilmente sono modificate dagli sforzi personali, dall’istruzione o dall’esperienza. La ricerca cognitiva sull’apprendimento e sull’expertise mostra che l’intelligenza cresce attraverso un lavoro realizzato ai confini delle proprie competenze (Perkins, 1995); questo significa che molte persone non sanno nemmeno quale sia la vera estensione delle proprie capacità, perché ostacolati dall’idea che le risorse intellettuali siano limitate. Le rappresentazioni culturali concernenti l’intelligenza e i geni suscitano ansia e stress e rappresentano un limite all’azione molto più di quanto lo sia la effettiva variabilità della loro capacità intellettuale (Gould, 1981). Una concezione monodimensionale dell’intelligenza come entità ereditata e fissa sembra comportare una violenza simbolica (Bourdieu, 1998) contro gli esseri umani in quanto riduce la loro fiducia nelle personali possibilità di crescere cognitivamente e di rafforzarsi intellettualmente.

Tratto da:
conoscenzaeinnovazione.org/ | vai al saggio completo...



Sei qui: Home Percorsi Tecnopsicologia Saggio L'intelligenza nella rete

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.