Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

26 Ottobre 2007 Scritto da  Derrick De Kerckhove

I nuovi ambiti di ricerca in Psicologia

Derrick De Kerckhove Derrick De Kerckhove

E' una banalità dire che non sentiamo la mancanza di quello che non conosciamo e che la pubblicità crea bisogni che non c'erano in precedenza.

 Simili affermazioni si basano sull'assunto, mai messo in discussione, che uomini e donne sono stati creati non solo uguali, ma identici una volta per tutte. Nulla potrebbe essere più lontana dal vero. Noi siamo costantemente creati e ricreati dalle nostre stesse invenzioni. Il mito della fondamentale universalità del genere umano è solo il prodotto di un auspicio dei filosofi settecenteschi. La nostra realtà psicologica non è una cosa “naturale”. Almeno in parte dipende dal modo in cui l'ambiente, e quindi anche le nostre estensioni tecnologiche, ci condizionano. Un modo di intendere la psicologia, vista al tempo stesso come dato della vita e come scienza, è di ipotizzare che il suo scopo sia quello di fornire un'interpretazione globale a aggiornata della nostra vita mano a mano che la stessa viene condizionata da un terreno culturale in perenne mutamento. Fra le sue numerose funzioni regolatrici, quindi, il ruolo della psicologia può essere di interpretare e di integrare gli effetti della tecnologia su di noi. Una delle funzioni della nostra psicologia personale è di creare un'illusione di continuità quando si verificano importanti fratture culturali e tecnologiche, rallentando in questo modo gli effetti di feedback tecnologico sul nostro sistema nervoso. Se non avessimo una sorta di stabilizzazione personale, ci troveremmo in uno stato di turbamento permanente dovuto al trauma culturale delle nuove tecnologie. Saremmo come Chancy Gardiner, il personaggio principale del romano di Jezy Kosinsky Presenze. Dopo avere vissuto tutta la vita adulta davanti alla televisione, Chancy esce per la prima volta e scopre con grande disappunto che per qualche imperscrutabile ragione il suo telecomando non funziona più. Con il termine “tecnopsicologia” si intende lo studio della condizione psicologica delle persone sotto l'effetto delle innovazioni tecnologiche. La tecnopsicologia può assumere un ruolo di particolare rilevanza oggi, nel momento in cui esistono estensioni tecnologiche alle nostre facoltà psichiche, e potrebbe essere sottoposta all'attenzione degli studiosi di cultura e di psicologia come campo di attività delle psicotecnologie.

Titolo originale: "Tecnopsicologia".

Risorse per approfodnimento:

Fonte:
Consorzionettuno.it



Altro in questa categoria: « L'intelligenza nella rete
Sei qui: Home Percorsi Tecnopsicologia Saggio I nuovi ambiti di ricerca in Psicologia

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.