Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

11 Luglio 2008 Scritto da  Monica Maggi

Donne e amore in chat

InternetWoman.jpgPiace tanto e soprattutto a lei. E’ internet, quest’oscuro oggetto del desiderio apparentemente nato come strumento al maschile ma poi, con il tempo, monopolizzato dalle signore.

[...]

«Le donne lo sanno usare con sfumature maggiori e utilizzi più diversificati rispetti ai maschi»
dice Tonino Cantelmi, psicoterapeuta e fondatore del primo centro Italiano per l’Assistenza alla Cyberdipendenza.
[...]

Non video porno, non rimorchio selvaggio o sesso “in solitaria” di fronte ad uno schermo luminoso, ma ricerca dell’altro. Cantelmi ha dato loro un nome: sex hunters, cacciatrici di sesso, e le ha divise in sei categorie.

[...]

LE 6 TIPOLOGIE DI SEX HUNTERS:
le “donne incorporee”: gradiscono l’incorporeità della comunicazione digitale, seducono con abilità, ma si nascondono dietro lo schermo, usano un erotismo digitalico incorporeo ed il loro piacere è sedurre;

le donne intimità: utilizzano la comunicazione digitalica per costruire rapporti molto intimi con perfetti sconosciuti, lo fanno rapidamente (la soglia del pudore in rete è molto bassa), già al primo incontro, abili chattatrici, non rinunciano alla sessualità on line e a volte sono disponibili ad incontri off line, quasi sempre deludenti (rispetto alle costruzioni fantastiche realizzate in rete);

le cacciatrici: aggressive, erotiche, disincantate, utilizzano la rete per adescare; cercano rapporti off line e vivono una sessualità prepotente e deludente al tempo stesso;

le sperimentatrici: sono quelle che in alcune fasi della vita provano a sperimentare in modo virtuale e protetto tentazioni non confessate: il tradimento (rigorosamente on line, almeno all’inizio), il lesbismo, l’amicizia intima, l’erotismo;

le trasgressive: quelle che fanno uso della rete in modo estremo,
frequentatrici di pornografia, o provocatrici esse stesse in modo chiaramente pornografico: si tratta di una sorta di “prostituzione digitalica”;

le virtuali: irraggiungibili, mettono se stesse in mostra anche attraverso webcam, ma non sono contattabili: il loro piacere è essere interessanti, attrarre senza “toccare”.

Titolo originale: "Cyberfemmes all’attacco".

info tp estratto da: http://www.donnamoderna.com
vai all'articolo completo...>>


Articoli correlati (da tag)

Sei qui: Home Risorse Glob News Pescate dalla Rete Donne e amore in chat

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.