Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

17 Giugno 2011 Scritto da  Alessandro Sala

Gli occhi, una webcam e un pc: la tecnologia che fa tornare a vivere

Il progetto dell'Università di Napoli che rappresenterà l'Italia alle finali mondiali dell'Imagine Cup 2011

progetto-OmcrOgni anno nascono nel mondo 10 mila bambini affetti da distrofia muscolare. Nella sola Unione Europea, 68 mila persone devono fare i conti con la sindrome di Rett, una patologia neurologica che causa disabilità di vario genere e che comporta una totale nonautosufficienza del soggetto che ne è colpito.
E sempre a livello europeo sono almeno 54 mila persone ogni anno risultano ammalate di Sla, la Sclerosi laterale amiotrofica, che con il tempo rende pressoché impossibile ogni movimento pur non andando ad intaccare la mente e la personalità di chi ne è toccato. Per tutti questi soggetti è spesso impossibile compiere i gesti più elementari, come allacciare le stringhe delle scarpe o reggere un bicchiere d'acqua. Men che meno lavorare, scrivere, comunicare. Chi ha avuto a che fare con persone immobilizzate totalmente o solo parzialmente sa bene che spesso dentro ad un corpo che non risponde più c'è un concentrato di emozioni e di sensazioni che non ha alcun modo di esprimersi, se non attraverso gli sguardi. Ed è proprio dagli occhi - e dalla tecnologia - che potrebbe nascere la prospettiva di una vita migliore. Ne sono convinti i ragazzi del team Neasoft dell'Università Federico II di Napoli che anche quest'anno rappresenteranno l'Italia alle finali mondiali dell'Imagine Cup di Microsoft, la principale competizione internazionale di information technology, che nell'edizione 2011 ha visto la partecipazione di 320 mila studenti universitari di oltre 120 Paesi. E che ad un software basato sul tracciamento dello sguardo, Omcr (Oculorum moto computer regere), affidano le speranze di primeggiare tra tanti «cervelloni» di ogni continente che il prossimo luglio si daranno appuntamento a New York per la sfida decisiva.

[...]

Omcr si basa su una webcam a luci ad infrarosso e su Windows 7. La webcam cattura le immagini degli occhi dell'utente e il software sviluppato da Raffaele Galiero, Clemente Giorio e Marta Ponari analizza i movimenti di occhi e pupille e individua l'area dello schermo che l'utente sta visualizzando e su di essa viene posizionato il puntatore del mouse. In questo modo, grazie alle «gestures oculari» - ad ogni movimento si assegna una specifica funzione - è possibile interagire con il computer e quindi scrivere, giocare, navigare sul web e compiere tutte quelle operazioni che normalmente richiederebbero l'utilizzo delle mani o della voce. «Abbiamo sviluppato un sistema che si adatta alla maggior parte delle webcam disponibili sul mercato, offrendo performance soddisfacenti anche con dispositivi low cost e alla portata di chiunque - spiega Galiero, team leader di Neasoft -. Omcr vuole essere al tempo stesso la voce, le mani e l'espressione delle persone che hanno difficoltà fisiche che impediscono di comunicare con il mondo esterno. L'idea è di abbattere il digital divide e rendere semplice quello che per alcune persone affette da patologie neurologiche oggi è impossibile».

Estratto da:
corriere.it | vai alla notizia completa

Risorse per Approfondimento:
www.imaginecup.com | Sezione News di UNINA



Sei qui: Home Risorse Glob News Pescate dalla Rete Gli occhi, una webcam e un pc: la tecnologia che fa tornare a vivere

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.