Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

15 Marzo 2012 Scritto da  Francesca Tarissi

Cuffia, tablet e interfaccia pc realizza i nostri pensieri

immagine Sistema Brindisys

Si chiama Brindisys: è composto da un tablet, una cuffia con degli elettrodi e da un'interfaccia cervello-computer. "È un prototipo ma crescerà". E si accende la speranza per le persone colpite da disabilità gravi, come i malati di Sla.

Aprire la porta senza alzarsi dalla sedia, accendere la televisione senza schiacciare il tasto del telecomando, esprimere desideri e sensazioni del momento - ho caldo, ho freddo, ho fame - senza parlare. Il tutto grazie a un computer in grado di tradurre il pensiero in azioni. La "macchina delle meraviglie" si chiama Brindisys e al momento è ancora un prototipo. Frutto del lavoro lungo 15 anni del team di ricerca della Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma, su finanziamento della Fondazione AriSLA e col contributo dell'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA), rappresenta una speranza di libertà per il futuro, per quanti sono colpiti da una malattia gravemente invalidante come la Sla.

A differenza di altri modelli, Brindisys ha infatti il vantaggio di essere di poco ingombro, facile da usare e soprattutto non invasivo. Qualità fondamentali che permettono anche ai pazienti "locked in", ossia in uno stato avanzato di disabilità in cui non si è in grado di muovere neppure gli occhi, di utilizzarlo per comunicare e agire col pensiero, riconquistando così importanti spazi di autonomia.

Come funziona. Il sistema tutto italiano Brindisys è un insieme hardware e software composto da un tablet, una cuffia con degli elettrodi assolutamente non pericolosi, come quelli per rilevare il battito cardiaco per intenderci, e da un'interfaccia cervello-computer. Il paziente indossa la cuffia con gli elettrodi, a sua volta collegati al computer. Gli elettrodi rilevano i segnali elettrici emessi dal cervello e questi vengono letti e tradotti dal computer in comandi. "Il malato guarda l'interfaccia del computer che si presenta con delle icone e dei pallini", ci spiega Febo Cincotti, coordinatore del progetto, "si concentra sul pallino corrispondente all'icona che rappresenta l'azione voluta e, allora, il sistema rileva il segnale e conferma, potremmo dire 'clicca', su quell'icona, dando il via all'esecuzione dell'ordine"

VIDEO Brindisys, il computer che legge nel pensiero

Fonte:
Repubblica.it | vai alla notizia completa...



Sei qui: Home Risorse Glob News Pescate dalla Rete Cuffia, tablet e interfaccia pc realizza i nostri pensieri

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.