Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

13 Febbraio 2013 Scritto da  Staibene Libero.it

Perché alle donne non piacciono i videogiochi

Videogames e Donne Videogames e Donne Libero.it In evidenza

Il loro cervello reagisce in modo diverso da quello maschile

Le donne capiscono e sanno usare i videogiochi come e forse anche meglio dei maschi.

Se non ne fanno una malattia, come accade invece a una buona parte del sesso forte in circolazione alle prese con console e pc, Playstation, Nintendo e diavolerie assortite, è solo perché non ricevono nessuna gratificazione nel distruggere avversari, astronavi e mostri vari.
Non è la tesi di una sociologa vetero femminista, ma la conclusione a cui è giunto uno studio della statunitense (e prestigiosa) Stanford University, secondo cui i maschi, durante le partite alla console, hanno una maggiore attivazione dell'area del cervello legata alla ricompensa e all’assuefazione.

Le donne sono meno motivate

I ricercatori americani hanno progettato un videogioco semplice, in cui era necessario cliccare alcune palline per guadagnare territorio. Vi hanno fatto giocare 11 uomini e 11 donne, senza rivelare però completamente il regolamento. Durante le partite i soggetti sono stati sottoposti a risonanza magnetica per stabilire quali aree del cervello fossero più attivate.
“Le donne comprendono al volo le regole del gioco, proprio come i maschi”, ha spiegato Allan Reiss, che ha condotto lo studio pubblicato dalla rivista scientifica “Journal of Psychiatric Research”, “l'unica differenza è che sono meno motivate nella riuscita”.

Vincere la partita

Le immagini della risonanza magnetica hanno mostrato che il videogioco attiva il centro mesocorticolimbico del cervello, l'area associata alle ricompense e all'assuefazione, ma per gli uomini l'attivazione era molto più alta e proporzionale al successo nella partita.
La conclusione dei ricercatori è stata che il cervello maschile è più predisposto ad essere gratificato dai videogiochi, specie se la vittoria consiste in un guadagno territoriale. “La cosa non è sorprendente”, ha commentato Reiss, “i maschi tendono ad essere più territoriali anche nella vita reale, il che spiega perché tiranni e conquistatori siano prevalentemente di sesso maschile”.

Fonte:
Staibene.libero.it | Vai alla notizia...



Sei qui: Home Risorse Glob News Pescate dalla Rete Perché alle donne non piacciono i videogiochi

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.