Psicotecnologie.it

Collaborare con Noi Clicca qui!

COLLABORA CON NOI!
» Contattaci

CONNETTITI CON NOI!
» Entra nella community

07 Marzo 2010 Scritto da 

Il sistema PEGI - Pan-European Game Information

Per i genitori conoscere preventivamente il livello di "pericolosità" di un videogames è di fondamentale importanza nell'educazione del proprio figlio, in quanto consente loro di preservarlo dall'esposizione inconsapevole a contenuti che potrebbero turbarne l'equilibrio psicologico.

Il sistema di classificazione PEGI (acronimo di "Pan-European Game Information" ) nasce proprio con lo scopo di aiutare i genitori europei a prendere delle decisioni consapevoli sull’acquisto di videogames.
Introdotto dalla primavera del 2003 e adottato da 30 Paesi europei, tra cui l'Italia, il PEGI è un sistema unifico di classificazione creato dall'ISFE (International Software Federation of Europe - Federazione europea del software interattivo) che fornisce all'acquirente informazioni dettagliate sull’adeguatezza del contenuto del gioco ad una particolare età.

Il sistema di avvale dell'ausilio di etichette di classificazione dell’età e di descrittori di contenuto che vengono posti sul fronte e sul retro delle confezioni dei videogames.

Le classificazioni PEGI indicano una delle seguenti età: 3, 7, 12, 16 e 18. Le etichette "rappresentano un’indicazione affidabile sull’adeguatezza del contenuto del gioco in termini di protezione dei minori". Tale modalità di classificazione non tiene conto del livello di difficoltà o delle abilità necessarie per utilizzare il gioco acquistato.

Riportiamo di seguito il significato delle etichette di classificazione e dei descrittori così come vengono descritti sul sito del Pan-European Game Information:

Etichette di classificazione:

PEGI 3
Il contenuto dei giochi a cui è assegnata questa classificazione è ritenuto adatto a tutti i gruppi di età. Essi possono contenere violenza se inserita in un contesto comico (come le forme di violenza da cartoni animati tipiche di Bugs Bunny o Tom & Jerry). Il bambino non deve associare i personaggi presenti sullo schermo a personaggi della vita reale; essi devono essere totalmente di fantasia. Il gioco non deve contenere rumori o immagini che possano spaventare o impaurire i bambini piccoli. Non devono essere presenti espressioni volgari né scene di nudo o riferimenti ad attività sessuali.
PEGI 7
I giochi che sarebbero classificati come 3 ma che contengono scene o rumori che potrebbero spaventare, possono essere considerati adatti per questa categoria. Possono essere permesse scene di nudo parziale ma mai in un contesto sessuale.
PEGI 12
In questo gruppo di età rientrano i videogiochi che mostrano violenza leggermente più esplicita rivolta a personaggi di fantasia e/o violenza non esplicita rivolta a personaggi dall’aspetto umano o ad animali riconoscibili nonché i videogiochi che mostrano scene di nudo leggermente più esplicite. Le espressioni volgari non devono essere forti e non devono contenere imprecazioni a sfondo sessuale.
PEGI 16
Questa classificazione si applica quando la violenza (o l’attività sessuale) descritta raggiunge un livello simile a quello presente nella vita reale. I ragazzi di questo gruppo di età devono essere anche in grado di gestire un linguaggio molto più scurrile, il concetto dell’uso del tabacco e delle droghe e la descrizione di attività criminali.
PEGI 18
La classificazione per soli adulti si applica quando la violenza raggiunge un livello tale da diventare rappresentazione di violenza grave e/o da includere elementi di tipi specifici di violenza. La violenza grave è molto difficile da definire in quanto può spesso essere molto soggettiva, ma in termini generali la si può classificare come la rappresentazione di un tipo di violenza che farebbe provare a chi la vede un sentimento di repulsione.

I descrittori presenti sul retro della confezione indicano i motivi principali per cui un gioco è stato classificato in un determinato modo. Vi sono otto descrittori: violenza, linguaggio scurrile, paura, droga, sesso, discriminazione, gioco d’azzardo e gioco on line con altre persone:

 

Linguaggio scurrile
Gioco che contiene espressioni volgari
Discriminazione
Gioco che contiene scene di discriminazione o materiale che possa incoraggiarla
Droghe
Gioco che fa riferimento a o rappresenta l’uso di droghe
Paura
Gioco che può allarmare o spaventare i bambini
Gioco d’azzardo
Gioco che incoraggia o insegna a giocare d’azzardo
Sesso
Gioco che contiene scene di nudo e/o comportamenti sessuali o riferimenti sessuali
Violenza
Gioco che contiene scene di violenza
Online
Gioco giocabile online

Risorse per Approfondimento:
Link: Domande frequenti sul sistema PEGI
Link: Homepage Pan-European Game Information



Sei qui: Home Risorse Informati Sicurezza e Comportamento Il sistema PEGI - Pan-European Game Information

Connettiti con noi

Indaghiamo sulla natura dei cambiamenti in atto per cercare di capire quale ruolo le tecnologie stanno assumendo nello sviluppo dell'individuo del futuro.